GUIDA AUTOMOMA

Guida automoma

Con l’Accordo di Parigi del 2015 sul clima, quasi tutti i paesi del mondo si sono impegnati a contenere l’aumento medio della temperatura terrestre riducendo le emissioni inquinanti, allo scopo di contrastare e annullare i cambiamenti climatici in corso.
Uno dei settori destinati a cambiare drasticamente per allinearsi agli stessi, è di sicuro l’automobilistico, costretto a produrre motori a combustione puliti ed efficienti e veicoli ibridi ed elettrici.


Una delle aziende che per prima si è impegnata in tal senso è stata la californiana Tesla, fin dalla sua nascita nel 2003, seguita via via negli anni da tutte le grandi case automobilistiche: per esempio il secondo produttore mondiale Volkswagen, nel 2019 ha promesso il lancio di 70 modelli elettrici entro 8 anni, con l’obiettivo di vendere 22 milioni di veicoli “green” entro il 2030.

Questa grande rivoluzione attualmente in corso, avverrà in termini di elettrificazione ma anche di guida autonoma, coinvolgendo anche aziende non propriamente del settore. Jeff Bezos, fondatore e presidente di Amazon, il più grosso gruppo di e-commerce al mondo, ha acquistato la start-up Zoox per 1,2 miliardi di dollari a giugno del 2020. Operante nel settore dei veicoli a guida autonoma, è la prima azienda a ricevere l’autorizzazione dallo stato della California a commercializzare veicoli self-driving per il trasporto pubblico: praticamente un taxi senza conducente, ma anche un robot su ruote, in grado di destreggiarsi nel traffico, compiere manovre complesse, ospitando fino a 4 passeggeri, con un’autonomia di 16 ore. Bezos vorrebbe lanciarlo nel 2022, inizialmente per le merci, poi anche per le persone.


Il settore automobilistico sta subendo una profonda trasformazione e continuerà ad attrarre enormi investimenti negli anni a venire; nel frattempo le principali società di gestione di patrimoni al mondo si sono già ingegnate per offrire strumenti finanziari per investirvi (fondi comuni) e consentire anche ai risparmiatori di cavalcare questa grande onda.
Vi invito alla riflessione e ad un confronto assieme.